domenica 28 febbraio 2010

Filosofia applicata


Ogni tanto mi faccio domande  molto ma moolto profonde...


Tipo... dopo qualche ora di tepura, la prima falena dellanno si è risvegliata... non cè un gran calore in queste notti di febbraio, quindi non deve essere una gran vita fare la prima falena che si risveglia...


... ma cè di peggio... e cioè essere la prima falena preda di Penny e compagno (Horatio)...


Insomma, se esiste il Karma... cosa sarà stata nella vita precedente questa sf...ortunata falena che si sveglia che ancora fa freddo e solo per finire tra le unghie e le fauci di 2 felini giocosi???


Insomma, le auguro più fortuna con la prossima vita...


martedì 16 febbraio 2010

"Quando ti porti dietro un libro avviene qualcosa di straordinario: le sue pagine raccogliernano i tuoi ricordi. E un giorno ti basterà risfogliarle per tornare con il pensiero al luogo dove le hai lette per la prima volta: le immaigni, gli odori, il gelato che ti eri gustata... Credimi, i libri sono un po come la carta moschicida: a nientaltro i ricordi restano attaccati così bene come alla carta stampata"


- da Cuore DInchiostro di Cornelia Funke


Beh, mio caro Mo, sono daccordo solo a metà... perchè io conosco qualcosa che cattura i ricordi, le emozioni e tanto altro più della carta: tela e filati!


sabato 6 febbraio 2010

Neurone fuso...


Devo dirlo, la mia città è una città "buona". O i cittadini sono buoni o... più pirla e rintronati di me...


... perchè io stamattina ho realizzato di aver lasciato il mio portafoglio in bella vista sul sedile del passeggero della mia auto!!!


il mio povero neurone si era addormentato prima di arrivare in casa!


giovedì 4 febbraio 2010

magari lavrò postato già mille volte, però è una di quelle robe che potrei postare e ripostare ogni giorno... ahhh quanto adoro questo finale!!! quasi quasi tiro fuori il film se stasera non cè niente di buono...



lunedì 1 febbraio 2010

Ci deve essere qualcosa che non va...


... perchè tutti sono a lamentarsi del freddo, della neve, del ghiaccio, delle scomodità conseguenti...


E io invece no, anzi, tutto ciò mi dà quasi buon umore.


Ad esempio... mettiamo un lunedì mattina, mettiamo questa mattina!


La sveglia suona ad un volume osceno - ieri sera non avevo controllato quellaccidenti di manopolina che gira fin troppo facilmente... e mi trovo verticale senza neanche accorgermene, con in testa la sola parola della canzone che ho concesso alla radio di lanciare nel silenzio del mio quasi sonno prima di troncarle lesistenza (adesso non la ricordo più, dopo 2 ore ci ho messo sopra tanta altra musica e tante altre parole tra tg, giornale radio, canzoni e discorsi di lavoro).


Non è il migliore dei risvegli e non è nemmeno stata la migliore delle notti e lo faccio notare anche a chi mi sta tarmando il sonno ostinandosi a dormire sempre più addosso a me nonostante il suo aumento naturale di volume e conseguente peso dovuto al fatto che oramai, la signorina ha 9 mesi compiuti e si avvia nei 10!!! Ma lei non agita nemmeno un orecchio, mi guarda sottecchi e continua il discorso del suo sonno interrotto dallumano balzo e dal suono radiofonico improvviso.


Prima di andare in bagno mi affaccio a guardare in sala dove ho lasciato su le tapparelle per vedere che tempo fa e... cosè quel bagliore? quella luce che si riflette sul tavolo del computer? ma... ma... è LA LUNA!! 2 notti fa era piena, quindi ancora oggi è bella grande, ma chi vedeva più la luna da tempo? con tutte le nuvole, la nebbia, il grigiore... sole e luna erano astri di cui oramai avevi solo il ricordo.


E invece eccola là! Luminosa. Solitaria. Silenziosa. Luccicante in tutto il ghiaccio che copre ogni cosa dalla strada agli alberi...


Pensiero: che bella. Secondo pensiero: fuori fa freddo!


Esco di casa 20 minuti prima perchè prevedo che dopo 48 ore di fermo, una giornata di neve forte e tanto gelo, la mia auto avrà bisogno di essere un po "lavorata" prima di poterla usare.


E in effetti... temperatura -4, portiera aperta in modo "scricchiolante" tanto era il ghiaccio sopra. E 10 minuti di olio di gomito con il mio amato GRATTINO a guadagnarmi il parabrezza sotto uno strato non di neve, ma di cristallini di ghiaccio che si amano lun laltro in modo molto tenace...


E mi scopro a divertirmi! Sono a -4, ho le dita dei piedi congelate, le mani intirizzite dentro ai guanti che mi fanno pure lavorare scomodamente, temo per il mio orecchio che già in casa ieri dava noie... eppure sono felice, mi sto divertendo!


Salgo in auto dopo 10 minuti di certosino lavoro di scrostamento e mi avvio: a metà strada incontro il classico ingorgo da "mal tempo": le strade sono luccicanti dal ghiaccio e ovviamente i più hanno lasciato la bici a casa e quindi siamo tutti in fila ad aspettare che il primo là avanti si tolga di mezzo per passare noi.


Odio le file, ma cè il sole, laria è pulita, niente nebbia, il cielo è azzurro azzurro... e... non mi urta nemmeno il traffico!?!? incredibile!


In giro le auto parcheggiate nei luoghi più esposti sono delle statue di vetro, lucide come non mai. Ammiro tutto mentre faccio un metro al minuto se mi va bene...


In ufficio mio padre è lì che esclama "oh! io della neve ne ho avuto abbastanza!!!" (in verità, usando unespressione dialettale nostra la frase era "io della neve ne ho avuto basta!"). E io penso: io? boh, per me può venire e non venire... anzi, mi fa gioia!


Insomma, odio di più la pioggia, quella si che mi fa tristezza...


Eppure... eppure fino allo scorso inverno dichiaravo "la neve in città è uno schifo!!! va bene in montagna!".


E quando venivo al lavoro in giornate così ghiacciate (soprattutto di lunedì) mica ero così euforica!


Non è che vi interessa conoscere il mio nuovo spacciatore? Interesserebbe anche a me, perchè essere di buonumore è una roba bella e vorrei che durasse più a lungo che mai!