lunedì 30 gennaio 2012

la nevicata dell'85...

Il meteo promette neve, ma tanta, da domani in avanti per i prossimi 15 giorni. Tanta ma tanta neve da far ricordare "la nevicata dell'85", così mi dicono.


Ma per il momento iodi neve non ne vedo. E così nell'attesa dell'abbondante caduta di neve, mi abbandono ai ricordi. In verità tutto un forum si è messo a ricordare cosa accadeva in quel lontano 1985...


Io avevo 14 anni nel gennaio 1985, ero al primo anno di superiori, prima ragioneria indirizzo Sperimentale (3 lingue straniere). Era il primo anno in cui davvero studiavo, perchè nei 3 anni precedenti avevo tranquillamente vissuto direndita con ciò che avevo imparato alle elementari o poco più.


Non ricordo quale fu l'antefatto, ma non riuscii ad avere il libro su cui si doveva studiare per le vacanze prima di gennaio. Ero in panico, ormai riprendeva la scuola e io non avevo fatto i compiti. E gennaio era il mese in cui finiva il quadrimestre, quindi tanti compiti in classe e altrettante interrogazioni mi aspettavano. Ero veramente preoccupata e rivolgevo all'alto strane preghiere del tipo "ancora un po' di tempo, come faccio se no???"


Beh, immagino non fosse la risposta alle mie preghiere, ma uno o 2 giorni prima della fine delle vacanze arrivò quell'incredibile nevicata. Tanta neve, come a Ravenna non ne avevo mai vista tutta insieme (e non ne ho più vista da allora). Tutto bianco, tutto bloccato, tutto congelato dal repentino abbassamento delle temperature arrivato subito dopo e...


SCUOLA CHIUSA PER UNA ULTERIORE SETTIMANA!!!


Ricordo tutti felici perchè si faceva vacanza ancora una settimana. E ricordo me stessa felice perchè avrei avuto tempo di finire i miei compiti...


Incredibile ma vero, io di quella mega nevicata ricordo solo questo particolare e gli alberi attorno a casa stracarichi di neve. Basta.


Non ricordo se sono uscita, se sono uscita, se era freddo, come fosse camminare fuori in quel gelo o se io sia rimasta davvero in casa tutto il tempo...


Incredibile come faticare sui libri di scuola possa essere così essenziale nella memoria del passato.


Ma la cosa che più fa venire i brividi è pensare che è successo 27 anni fa...


Non mi dà fastidio il concetto di invecchiare e il vedere gli anni che si stratificano sul mio volto e non solo lì. Però mi sconvolge sempre quando ricordando qualcosa realizzo che sono passati decenni da quel ricordo... quello si che fa effetto!

giovedì 26 gennaio 2012

Il mio Gatto è un ipocrita

(ed è pure grasso)



trattasi di un piccolissimo libro (12 x 16 cm) che mi è arrivato oggi da Amazon insieme ad altri 2 oggetti acquistati.


in realtà i libri acquistati, entrambi a tema felino, sono 2, ma il secondo per il momento mi attira leggermente meno.


con questo qui ogni tanto non resisto alla tentazione di aprirlo e guardarne una paginetta, anche se sono ancora in ufficio e dovrei decisamente fare altro.


ogni due per tre sghignazzo guardando l'immagine iniziale (che vedete anche voi nella copertina qui sopra) con l eindicazioni "movimento sornione, da rettile" del gatto che si nasconde dietro la bottiglia. poi girando il libro si capisce anche il perchè (tentare di arrivare al piatto dell'umano)


ogni pagina è una risata e un "si si, proprio così!!!": sono tutti fumetti esplicativi sulle abitudini feline che ogni umano convivente con almeno un gatto può sentire assolutamente familiari e "già vissute".


ma la cosa più bella in assoluto è la conclusione (ok, lo ammetto, non ho letto-guardato il libro e mi sono andata a leggere la fine! so chi è il colpevole!!"), anzi, no, la preconclusione (la penultima pagina, insomma!)


"riassumento, il mio gatto è ipocrita, ladro, esigente, capriccioso, psicotico, inquietante, fifone, vandalo, sbruffone, egoista, opportunista, geloso, zoticone, edonista e ridicolo...


... ed è per questo che gli voglio bene!"


direi che è un ottimo acquisto per il buonumore mio e non solo, perchè sicuramente lo presterò a chi saprà apprezzare.


poi sarà la volta del secondo titolo, che vi anticipo "cento modi per il gatto di addestrare il proprio umano"

sabato 21 gennaio 2012

At Last...

... Etta se ne è andata.


Ma la sua voce rimane. Non è la prima volta che metto questa bellissima canzone sulle mie pagine, ma non c'è miglior modo per salutarla che riascoltandola ancora e ancora e ancora...


sabato 14 gennaio 2012

Oggi va così...

Questa mattina la colonna sonora è questa:



beh, non solo questa, ma un best of Sade di qualche tempo fa che mi sono gustata nota per nota, mentre l'ago ballava su una tela.


Ottimo modo per passare una mattinata di malattia...

giovedì 12 gennaio 2012

Attenzione ai desideri

La settimana scorsa ero in ferie.


I primi 3 giorni sono passati in fretta tra un paio di commissioni e visite mediche di mia madre. Quasi non li ho visti.


Poi giovedì ho cominciato a tossire un po'... e intanto pensavo "accidenti, anche questa settimana è volata via e non me ne sono neanche accorta. certo che mi piacerebbe avere qualche giorno senza impegni, senza commissioni da fare, da dedicare ai cavolacci miei, senza orari, magari così mi metterei a fare certe cose in casa che rimando sempre..."


Solo che bisogna fare attenzione a ciò che si desidera. E magari anche guardare il calendario: giovedì era il 5, la vigilia della Befana.


Il giorno dopo, la Befana apparentemente non mi ha portato niente: nessuna calza, nessun dolcetto, nessun regalino (la Befana di casa era ammalata... e nessun Befano si era trovato il tempo per sostituirsi nel compito... mannaggia). E così ero un po' dellusa: niente regalo della Befana.


Col cavolo! Il regalo me l'ha fatto: mi sono misurata la temperatura e avevo la febbre. 3 giorni di febbre, tosse a piacere, poi raffreddore...


Lunedì il medico mi fa il certificato di malattia per tutta questa settimana e mi dice "appena te la senti vieni che ti ausculto ben bene e vediamo un po'".


Ieri era il giorno "appena ti senti" e sono andata. Alla faccia del regalino la Befana! Focolaio di Polmonite!!!! Non è gravissimo, infatti le lastre non mostrano nulla, ma intanto c'è...


Sarò a casa minimo fino a mercoledì prossimo, poi si vedrà.


Ecco, ora ho avuto il mio desiderio realizzato.


La prossima volta però mi impegnerò a formularlo in maniera ben diversa... dovrò precisare meglio i dettagli "collaterali".


No, perchè se avessi desiderato un viaggio, con questo genere di realizzazioni... minimo sarebbe stato nelle patrie galere!

martedì 10 gennaio 2012

Cultura...

Mi sto facendo una cultura leggendo uno dei libri che mi hanno regalato per Natale.


Lo sapevate che:


- il cervello di un gatto pesa intorno ai 30 gr: se basta così poca materia grigia per elaborare così tanti disastri... Ci credo che gli umani facciano stragi!


- nel mondo dovrebbero esserci 500milioni di gatti, circa 1 gatto ogni 14 umani. Ok, Laura, SerenaMamigà ed io dovremmo permettere ad un borgo neanche tanto piccolo di essere completamente cat-free, giusto??? :-P


- la vita media di un gatto è di 14 anni, ma il gatto americano Creme Puff è morto a 38 anni. chi glielo dice ai miei che Rommell può vivere ancora altri 20 anni???


- 30.000 è il numero minimo di volte in cui pronuncerete il nome del vostro gatto nell'arco della sua esistenza. Pensieri: chi è che si è messo a contarle??? e poi... Per Penny le ho già superate e non ha ancora 3 anni, per Stella sicuramente le supererò presto e non ha che 6 mesi, per Morgan... lui cambia nome troppe volte e quindi non lo chiamerò mai così tante volte!


- c'è un veterinario americano che ha inventato i cappucci di plastica per le unghie dei gatti affinchè non rovinino i mobili... coordinabili anche con le unghie della padrona... non oso immaginare il costo per l'applicazione e spero che i gatti che subiscono questa umiliazione rendano pan per focaccia prima ai padroni e poi a chi gliele applica... maddai!!!


Ok, sono solo a pagina 25... mi fermo perchè voglio tornare a crocettare...


Il libro è fantastico, ma sul serio.


Certo che se siete degli umani adottati da gatti come me, avrete modo di fare anche voi le vostre considerazioni mentre leggete queste simpatiche notizie.


p.s. io vorrei crocettare... ma le gatte Penny e Stella (e vai che si superano le 30.000 volte anche per la piccolina molto presto!!!) hanno idee diverse... e io so perchè, le ciotole sono vuote, care micie??? è un po' prestino, no? l'ora di cena è tra 2 ore! quindi adesso i casi sono 2: voglio crocettare e anticipo l'ora della cena, rimango inflessibile, non crocetto e vado a fare altro... ok, ci penso eh!

martedì 3 gennaio 2012

Stella... wanted!

Lo so, finisco per essere ripetitiva, ma accidenti! ieri è accaduta una roba... ma una roba...


Mi sa che sarò costretta a mettere in circolazione foto della gatta Stella con sotto scritto "WANTED", perchè la signorina è decisamente ladra!


Ieri le mie ultime ospiti del week-end stavano facendo le valigie per andare in stazione. Si erano comprate qualche piadina da portare a casa (classico ricordo della Romagna, no?). In particolare Serena si è presa un sacchettino piccolino, con le piadine fatte a formine natalizie, ideale per lo spuntino sul treno.


Anna è lì che fa la sua valigia e nota Stella che sta addocchiando e snasando bene il sacchettino, così lo mette nella borsa di Serena e tira la lampo per impedire che la micia possa arrivarci.


Ma Stella mica si è fatta prendere in giro... lei ha aperto la zip e rubato il sacchetto scappando per tutta casa con il sacchettino in bocca!


L'ho recuperato nella camera in fondo al corridoio, nascosta dietro al divano, con la refurtiva ancora in bocca.


L'avevo detto io alle mie ospiti di fare attenzione... la signorina è recidiva!!! Ma nessuna di noi si aspettava l'apertura di una cerniera lampo!!!