lunedì 14 luglio 2014

più o meno Kojak

e infine è arrivato il giorno in cui ho chiesto a mio fratello di passare da casa con la macchinetta per tagliare i capelli...

in verità ci pensavo già da un paio di settimane: i pochi capelli che hanno resistito alla mega caduta da "taxolo" (uno dei due elementi che compongono la chemio terapia e che è il colpevole di tutto, a sentire i medici: hai un sintomo? è il taxolo! bastardo che non è altro!!!) stavano sulla testa tutti indimiditi... secchini, senza vita... li guardavi e almeno 10 cadevano dalla paura. ne trovavo sempre tanti nel cuscino, nella bandana... ovunque...

meglio fare piazza pulita, rasatura a zero e via. tanto finché faccio le terapie non c'è rimedio... almeno così se continueranno a cadere non avrò tutta questa moria attorno.

devo dire che prima di iniziare pensavo che l'avrei presa molto male la storia della caduta dei capelli.
invece, a parte il comprensibile shock del giorno in cui passandomi la mano sulla testa me la sono vista venire via piena piena di ciocche... una volta tagliati più corti (3-4 cm circa di lunghezza) la cosa non mi ha dato fastidio più di tanto.

quando sono diventati impresentabili, ci ho messo sopra una bandana.

di bandane ora ne ho di tutti i colori o quasi e la mattina mi tocca pensare a come mi vestirò per scegliere la bandana da abbinare... una novità, io quasi mi vestirei con la prima cosa che spunta dall'armadio senza farmi tante domande... ora ci devo pure prestare attenzione... ma pensa te!

sabato dunque mio fratello è arrivato "armato" di macchinetta. lui, come poi l'altro fratello, è un esperto, causa calvizie incipiente da anni si tiene i capelli alla lunghezza massima di 3 mm... la macchinetta l'ha puntata si e no all'altezza di 1mm...

si è messo lì a gironzolare con il macchinetto sulla mia testa tutto... soddisfatto... "ah, finalmente sei una di noi anche tu! era ora!!!"
"si fratello, ma ricordati che a me ricresceranno!!!!"

che sensazione strana vedermi con tutta la testa rasata! tonda come una palla da bowling... mio padre mi vede mentre passa da casa mia per portarmi su l'acqua da bere ed esclama "se penso che quando sei nata avevi la testa a pera! fa effetto vederti così tonda!"...
alla nascita  mi hanno tirata fuori con la ventosa... la testa a pera era un'inevitabile conseguenza... ma questo era quasi 44 anni fa... nel frattempo si è tondizzata benissimo.

domenica ho mostrato il mio nuovo look all'altro fratello "ma!!! la sua macchinetta taglia così corti??? la voglio anche io!!!" e la moglie "no no! non sei così calvo da doverteli tenere così corti!"

insomma... faccio tendenza, ma pensa te!

io continuo a passarmi la mano sulla testa per sentire i pochi spuntoni irti che crescono lassù... sensazione "grattugia".

finché farò le terapie crescerà robetta così: scarsa, secca, irta... che magari morirà alla prossima terapia.

e come si sente l'aria!! mai sentita così tanta aria girare attorno al mio cervello! ma il cervello è impassibile: rimane discretamente lesso e non reagisce a questa nuova ossigenazione. non ha tantissima voglia di fare di questi tempi... povero lui, ha le sue valide ragioni!!! dai, finirà... poi ci riprendiamo la rivincita su tutto!!!!

9 commenti:

  1. Forza Meg! L'estate è perfetta per le bandane e poi sono facili da fare, no? Macchina da cucire e libera la fantasia! Scherzi a parte...ti abbraccio forte forte, non mollare.

    RispondiElimina
  2. Mia madre diceva che stavo benissimo senza capelli, che li avrei dovuti tenere sempre rasati. Non aveva tutti i torti, solo che era dicembre e faceva un freddo blu. Però che comodità quando sono arrivate le prime vampate da menopausa!
    (della serie: guardiamo i lati positivi)
    Un abbraccione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. qui per ora di vampate niente... e se non vogliono venire sto bene lo stesso, visto che già soffro comunque il caldo.

      ti dirò, visto che la mia testa suda tantissimo, anche se non fa caldo, almeno i capelli tamponavano... ora ho i goccioloni che scendono come rivoletti... la bandana un po' nasconde e asciuga, ma quando fa caldo caldo significa usare più bandane al giorno.

      comunque, a parte questo, io non mi ci vedo con i capelli corti (rasata mi sento un po' aliena... vabbè, normale) e per assurdo una delle cose che più mi manca in questo periodo è "togliermi il ciappo dai capelli prima di andare a letto"... un gesto che mi appartiene da sempre e che da un mese e mezzo non faccio più. non vedo l'ora di rifarlo :-)

      Elimina
  3. Vero, finirà! e l'emozione quando si ritorna a passare la mano tra i propri capelli è bellissima :)

    RispondiElimina
  4. anche io quando ho iniziato la chemio , la fec rossa ho dovuto rasare i capelli che , poretti , erano rimasti attaccati ma mi facevano un male tremendo, alla fine del taxolo mi sono rispuntati... tutti riccissimi (io li avevo lisci) e tutti bianchi (vabbè è un dettaglio. La parrucchiera in compenso mi ha detto che sono molto più di prima e mi son fatta una bella tinta rossa... tipo color Pippi calzelunghe.... mi ci devo abituare a tutti 'sti riccolini corti corti ma..son dettagli
    Annamaria

    RispondiElimina
  5. scusa, son sempre io. ma abiti a Ravenna?! Io abito a Cervia...
    Annamaria

    RispondiElimina
  6. Ciao, vengo dall'iniziativa di Barbara.

    Ho fatto anch'io le chemioterapie circa dodici anni fa ma fortunatamente i capelli non mi sono caduti in quanto, per problemi al cuore, non mi hanno somministrato la "rossa". In compenso però facevo due sedute al mese, una meraviglia! :(

    L'importante è esserne usciti!

    Tieni duro e ricordati sempre che la vita è bella anche nei momenti più duri!

    Un abbraccio
    Laura

    RispondiElimina
  7. Anch'io vengo dall'iniziativa di Barbara!

    Il tuo racconto mi ha ricordato il mio travaglio di quasi 8 anni fa, anche a me alla prima somministrazione del "gingerino" sono caduti quasi tutti e ammetto che è stato un shock, a guardarmi allo specchio ricordavo i personaggi di un vecchio film apocalitico " the day after" , mi si vedevano solo due enormi occhi su una testa tonda...ma vedrai poi come cresceranno, morbidissimi come quelli di un bambino appena nato.
    Forza che presto ne sarai fuori e arriveranno tempi migliori!
    Un abbraccio !!

    RispondiElimina