venerdì 19 febbraio 2016

i misteri delle panchine ravennati

vuole il "caso" che in città che qualche mese fa si tenesse la biennale del mosaico (moderno, se ricordo bene: non ho seguito moltissimo la cosa, perché era già il periodo in cui faticavo a muovermi per via dei disagi vari dovuti a terapie e malattia, quindi ciò che accadeva in città lo seguivo meno che mai, anche se suscitava in me un certo interesse).

in giro per la città erano dislocate opere di mosaico di vario tipo. mi sarebbe piaciuto vederle, ma non ce l'ho fatta, salvo alcuni dei sofà, quelli posizionati davanti al Canale Candiano, in Darsena.
un giorno di novembre mi sono fatta un giro e me li sono guardati, questi "divani" creati in Olanda con la rappresentazione a mosaico di opere famose e oggetto di un progetto mirato a far lavorare persone disagiate.

sono belli, e mi piace pure il contesto in cui li hanno posti. e lo ho scritto anche all'epoca su Facebook, augurandomi che rimanessero.

e sono rimasti...

ora, qualche giorno fa salta fuori sui quotidiani (e nei siti di news locali) che nei viali Pallavicini (in prossimità della stazione ferroviaria) verranno tolte le panchine, per dissuadere gli spacciatori e gli scansafatiche dall'utilizzarli.

quando ho letto la notizia sono inorridita.

sarà che negli ultimi 2 anni ho avuto modo di godere del camminare in città, prima di tutto come fantastico metodo di recupero dagli interventi... e durante queste camminate ho potuto notare quanto la città non sia fatta per chi va a piedi.

nell'ultimo mese poi, con il recupero da un intervento davvero devastante a livello fisico (ci sto mettendo davvero tanto a recuperare), ho preso ancor più in considerazione il concetto di "panchina", come luogo di pausa e riposo durante le mie brevi camminate.

e ho potuto proprio notare quante panchine manchino all'appello in città...

dove sono finite? come molti alberi nei viali e nei parchi cittadini? tagliati e mai rimpiazzati??

sapevo che in zona Giardini di Speyer (di fronte alla stazione) non più di 2 anni fa furono tolte per la stessa ragione di oggi, infatti è noto che ora gli spacciatori usano i giochi dei bambini posti nel parco oppure le panchine di Viale Pallavicini per la loro attività...

e così si è giunti alla storica decisione di togliere pure le panchine del viale... geniale, trovo queste decisioni davvero vili: si evita il problema, lo si "risolve" lasciando che esso si sposti di qualche metro e diventi un problema nuovo tra qualche mese...

e l'inciviltà avanza sempre più...

ma cosa c'entrano le panchine dei viali con i divani mosaicati olandesi? me lo sono chiesta anche io, quando è esplosa la questione nei social network e sui media

salta su che il Sindaco, sentendosi un po' troppe lamentele in merito alla levata delle panchine, neanche 48 ore dopo l'affermazione sulle panchine (e la materiale dissoluzione dai viali delle stesse), se ne sia uscito affermando "ma non è vero che le togliamo e basta! le metteremo più belle!"

insomma, si è mangiato la parola e ha cercato di rimediare in corner...

dopo ciò, è arrivata un'intervista ad una persona di spicco del mondo del mosaico ravennate in cui si è fatta domanda in merito alle panchine-sofà olandesi... salta fuori che sono costate 33mila euro ed è partita una levata di scudi generale perché sono olandesi e non sono state fatte da noi in città.

sia chiaro, sono la prima a sostenere i chilometri 0, a voler favorire prima di tutto la mia città e in particolar modo ad adorare il lavoro della scuola del mosaico e dei nostri beni culturali!!!

ma com'è che solo oggi, 5 mesi dopo l'apparizione dei divani olandesi salta fuori questa querelle??? e solo dopo la levata delle banali e ordinarie panchine dei viali?

perché, al di là della questione posta dal personaggio - che ha tutti i diritti di porla, per sapere come sono spesi i soldi della città - all'improvviso tutti, ma dico TUTTI odiano i sofà, sono brutti, sono costosi, non servono, fanno schifo, ma perché sono stati messi lì e là?

eppure... eppure io li ricordo i post e i commenti di 4 o 5 mesi fa in cui si parlava bene di tali "divani"

così come il mio post, tanti altri ne ho letti di miei concittadini che hanno gradito questa espressione moderna del mosaico (e sia chiaro, che fossero olandesi era scritto a chiare lettere in un cartello posto a lato di tali opere, non è una novità attuale)...

posso capire che faccia "impressione" e non si apprezzi una voce di spesa non necessaria, va bene. ma da qui a cambiare improvvisamente opinione!

io sono ancora qui a rimpiangere le panchine dei viali, posso anche accettare che si debba mettere in discussione la scelta (e come si sia arrivati a tale scelta) di acquistare i sofà, quando dovevano essere installazioni temporanee per la sola occasione della biennale del mosaico moderno... va bene, ci sta.

e sono anche tra i primi a disprezzare moltissime (quasi tutte, per la verità) scelte di questa amministrazione, che non amo da che ha iniziato il suo mandato...

ma avrei preferito una discussione sui sofà separata da quella delle panchine dei viali. l'una niente ha a che fare con l'altra... a mio parere. salvo per il "non" piccolo aspetto che quando si chiedono interventi al Comune di vario tipo, venga risposto che non ci sono soldi... eppure per i sofà i soldi si sono trovati. misteri del bilancio comunale, evidentemente.

sono curiosa di sapere come finirà.

sono curiosa di vedere le nuove panchine "più belle" dei viali...

sono curiosa di sapere se gli spacciatori (che evidentemente nessuno si è preoccupato di scacciare, men che meno arrestare, dalla zona in questione) le gradiranno...

sono curiosa di scoprire se i sofà rimarranno o no

e se non rimarranno... gli olandesi ci ridaranno i denari?? mah


Nessun commento:

Posta un commento